DSA e Adolescenza

Un disegno di un bimbo viene proiettato sullo schermo in Sala Dante a Spezia: tre bambini seduti ai loro banchi , e sotto ad ognuno di essi appare una scritta: “Bimbo che legge con gli occhi, bimbo che legge con gli occhiali, bimbo che legge col computer”.

Questa testimonianza riguardante il valore dell’inclusione e degli strumenti compensativi, fa parte solo di uno dei tanti interventi che sono stati presentati al Seminario “DSA e Adolescenza”, organizzato dal CTS di Spezia il 5 Marzo. La dislessia fa parte di una categoria di disturbi specifici dell’apprendimento (DSA appunto) che consiste in una particolare difficoltà nella lettura. Tra le altre categorie troviamo la disortografia (difficoltà nello scrivere), la disgrafia (grafia incomprensibile anche a chi scrive) e la discalculia (difficoltà nel calcolo).

Tra i vari ospiti presenti compaiono l’ASL n° 5 spezzino nella persona del Prof. Franco Giovannoni, la Prof.ssa Angela Maria Sugliano dell’Università di Genova, che approfondisce il tema della tecnologia digitale, l’Avv. Massimiliano del Fiandra e la Dott.ssa Consuelo Casella per l’associazione Aiuto DSA, il prof. Fabio Celi, l’ASL Toscana Nord Ovest, la Dott.ssa Monica Cecconi, psicologa che ha presentato la ricerca Protocollo MindFulness, la Prof.ssa Claudia Brancati dell’Università degli Studi di Firenze, il Prof. Lorenzo Cimino presidente dell’Associazione AID La Spezia che ha ribadito l’importanza della  Legge n. 170 dell’8 ottobre 2010, di una didattica inclusiva che stia attenta alle esigenze degli alunni di tutte le età e dei professori, che devono avere la sensibilità di capire che esistono metodi diversi di insegnamento, e infine la giovane Vittoria Hayun, presidente dell’Ass. Pillole Di Parole di Firenze. Questa Onlus agisce a livello nazionale: ragazzi che aiutano altri ragazzi. Durante il suo intervento la giovane Hayun ha presentato il libro Devo Solo Attrezzarmi scritto a due mani con il coetaneo Filippo Gerli, entrambi DSA, ed illustrato dal fumettista spezzino Federico Scippa.

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *