Noir

Di Francesco Tassara. NOIR è una sintesi, o una disgregazione. E’ il racconto grezzo e crudo di una notte qualsiasi, in strada, territorio proibito e temuto. E’ un omaggio alla notte nascosta, agli angoli bui dove molti hanno paura di passare, in realtà scrigni di incompresa poesia, e a tutti quei volti che sembrano assassini, ma che in realtà piangono quando nessuno li vede; omaggio ai portici umbertini, impreziositi dalle dichiarazioni d’amore fatte a pennarello, sui muri delle case popolari – autografi di autentici protagonisti del mondo, tra fili di colorati panni stesi, vite stese. E’ un racconto sparso in un viaggio senza pretese, fitto di trame perse nei chiaroscuri delle architetture notturne; un viaggio di una notte ma di tutte le notti, con affetto, fatto di volti ed ombre, e impreziosito dal fatto che, nonostante la finzione, ognuno interpreta sé stesso. Anche nei titoli di coda. Un racconto vero, un viaggio che s’inoltra curioso, e va a vedere cosa succede, guardando le situazioni nel loro mistero, senza svelarle, poiché il mistero stesso è la fascinazione che attrae. La ricerca che mi ha permesso di pensarlo è stata un’avventura, che mi ha suggestionato e spinto ad esplorare il mondo notturno, preparando nuovi progetti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code