Torta Pasqualina Zeneize

A torta pasqualinn-a l’è de Zena!

Il segreto di una buona torta pasqualina è la freschezza degli ingredienti e il vino con cui si beve! Assolutamente consigliato il classivo Vermentino ligure, secco e profumato con il giusto grado di sapidità.  Il vero punto forte di questa pietanza è che è facile da preparare ed è ottima anche fredda ( personalmente la preferisco!). Di seguito la ricetta:

 

torta-pasqualina

Ingredienti

Per la pasta sfoglia:
-475 gr di farina
-500 gr di burro
-300 ml di acqua
-sale

Per il ripieno:
-5 carciofi d’Albenga
-100 gr di ricotta

-1 spicchio d’aglio
-1 bicchiere di vino bianco
-30 ml di latte
-100 gr di parmigiano
-2 uova intere + 1 tuorlo
-olio extravergine d’oliva

Tagliate il gambo e fate in quattro la testa dei carciofi, eliminando con il coltello la peluria interna. Poi affettate finemente ogni quarto per ottenere delle fettine sottili. Mettete una padella sul fuoco con un filo d’olio e uno spicchio d’aglio. Lasciate insaporire per pochi minuti e poi mettete dentro i carciofi. Sfumateli con un bicchiere di vino bianco e aggiustate di sale.Una volta sfumato il vino aggiungete mezzo bicchiere d’acqua e fate cuocere a fuoco basso per una decina di minuti con il coperchio, di modo che i carciofi si stufino a modino.

Ora trasferite i carciofi in una ciotola e unite il composto di ricotta ( far sciogliere la ricotta in un pentolino con un pochino di latte e un pizzico di sale – la consistenza deve essere cremosa! ), due uova intere, olio evo, parmigiano, sale e pepe. A questo punto la tradizione vorrebbe un trito fine del composto ottenuto… ma personalmente io lascio tutto cosi ovvero maltrito, a ognuno la sua versione 🙂

A questo punto occorre preparare la sfoglia…. quindi… disponete la farina (400g)  a fontana su un piano. Versate l’acqua e un pizzico di sale e impastate il tutto fino ad ottenere una palla, avvolgetela nella pellicola e fatela riposare per circa 30 minuti (1).

Estraete il burro dal frigo, tagliatelo a cubetti  e inseritelo nella planetaria con 75 grammi di farina e mischiate fino ad ottenere un composto omogeneo e senza grumi.  Lavorate l’impasto su una spianatoia fino a dargli la forma id un quadrato specco almeno 1 centimetro. Fate riposare in frigo per almeno 40minuti. (2)

Nel frattempo stendere la pasta (1) e posizionarvi nel centro il panetto (2) e ricoprite coi lembi di pasta in avanzo ( quindi in quattro ) a mò di scatola. Prendete un mattarello ed esercitate una pressione sull’impasto quindi stendere la sfoglia fino a che la forma non sarà regolare. Una volta ottenuta la larghezza desiderata piegate i due lati piu corti facendoli combaciare al centro senza farli sovrapporre e poi piegarli nuovamente tipo libro. Avvolgete il panetto nella pellicola e mettetelo in frigo per almeno 45 minuti. Una volta trascorsi ripetete l’operazione di piegatura x altre 3 volte. Perchè il risultato sa ottimale la sfoglia dovrà risultare liscia e omogenea.

Ricordatevi che la vera torta Pasqualina genovese prevede due strati di pasta sfoglia: uno sotto e uno sopra la torta, in modo da poterla richiudere. Foderate una teglia con carta forno e adagiatevi il primo strato di pasta sfoglia che costituirà il fondo della torta. Con un cucchiaio, spalmate il ripieno di carciofi in modo per tutta la larghezza della teglia. In questa fase ricordiamoci di aggiungere un uovo ( che con la cottura diventerà sodo ). Successivamente, appoggiate l’altro strato sopra e chiudete i due lembi arrotolandoli e formando il bordo della torta. Con una forchetta fate dei piccoli fori sulla pasta e spennellatela con il rosso d’uovo.

Infornare a 180gradi per 40 minuti.

Enjoy!

 

 

n.b.

immagine recepita dal web!

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *